Cos’è il latte fieno

161

Per ora è un fenomeno ancora di nicchia, ma piano piano incomincia a farsi strada, sui banchi frigo dei supermercati, anche il latte fieno. Prodotto così denominato perché proviene da animali nutriti prevalentemente con erba fresca in estate e con fieno nei mesi freddi.

Un ritorno, in sostanza, ai tempi andati, se consideriamo che negli allevamenti odierni i bovini sono alimentati con mangimi industriali che sono miscele di mais e di soia.

Perché si possa parlare di latte fieno, l’UE ha stabilito che le mucche, oltre a vivere in spazi aperti in cui poter liberamente pascolare, siano alimentate con erba e fieno almeno per il75% del totale.

Si tratta di un latte di qualità superiore (e quindi più costoso), poiché ricco di micronutrienti importanti come gli omega 3 e dotato di una quantità di principi nutritivi pressoché doppia rispetto a quella degli altri tipi di prodotto presenti sul mercato.

L’espandersi della diffusione del latte fieno inizia, inoltre, a creare nuove opportunità di successo anche per piccoli allevamenti di stampo tradizionale che sono attivi nel Trentino Alto Adige: la loro produzione viene attualmente commercializzata dai due noti marchi Mila e Alce Nero.