Cresce il fai da te

252

Secondo un recente sondaggio, quasi il 70% degli Italiani dichiara di occuparsi di bricolage o della riparazione di piccoli guasti casalinghi. Il fai da te incontra i gusti della gente per due motivi fondamentali:

1) il primo è dato dal risparmio economico che si realizza, rispetto al costo che comporterebbe l’intervento di un tecnico;

2) il secondo è, invece, più di natura psicologica e risiede nella soddisfazione che si prova nell’apprezzare il risultato di un lavoro che ci ha visti direttamente impegnati per tempo e fatica.

La parte del nostro Paese più attratta dal fai da te è al Sud con l’86% di persone che vi si dedica, seguita dal Centro (72%) e dal Nord (51 %). I lavori più frequenti riguardano il montaggio di mobili (86%), le attività di giardinaggio (60,8%) e di decorazione (56%).

faiIl materiale più utilizzato è il legno (70,8%), seguito dalle pitture (56 %) e dal recupero di materiali di scarto (49%): per il loro acquisto, la scelta cade ancora prevalentemente sul negozio fisico (61% in particolare per la grande distribuzione), mentre solo l’8,2% compra on line.