Saldi estivi: non sempre è convenienza

164

Saldi estivi al via il 7 di luglio in tutta Italia

Forse il periodo dei saldi estivi non è più vissuto dalle famiglie italiane  con la stessa intensità  con cui lo si aspettava, invece, in anni neanche troppo lontani: infatti, con l’avvento dell’e–commerce, oggi i saldi non sono rimasti l’unica occasione vantaggiosa per rinnovare un guardaroba a prezzi convenienti, rinnovandolo magari anche con l’acquisto di qualche capo firmato.

Ed è proprio grazie alle operazioni on line, che  le abitudini dei consumatori hanno cominciato a mutare,  apprezzando  la possibilità di trovare prezzi competitivi  in ogni momento dell’anno, senza dover fare neanche la fatica di doversi alzare da una poltrona…

Non c’è dubbio però sul fatto che, con il suo giro d’affari stimato da Confcommercio in 3,5 miliardi di euro, la stagione dei saldi conservi, comunque, ancora una sua  rilevanza tutt’altro che trascurabile nel settore delle vendite di abbigliamento.

La percentuale degli sconti che vengono applicati oscilla, in genere, inizialmente tra il 20% ed il 30%, ma col trascorrere dei giorni può arrivare a toccare persino il 70%.

La durata delle offerte varia da regione a regione, ma in certi casi si estende fino alla fine dell’estate, come, ad esempio, avviene in Puglia dove il termine è stato fissato per il 15 settembre.

Si tratta, quindi, di un’ottima occasione per fare compere opportune ed intelligenti, ma non vanno sottovalutati alcuni rischi e tranelli nei quali, senza la prudenza adeguata, è facile cadere.

Convenienza TV intende darvi cinque suggerimenti, affinchè il vostro shopping intelligente non finisca per procurarvi qualche brutta delusione.

1 ) CONFRONTATE I PREZZI

Prima dell’inizio dei saldi, fate un giro di perlustrazione tra i negozi che vi interessano ed annotate i prezzi delle merci che sono di vostro gradimento, in modo tale da poter verificare l’effettiva entità dello sconto che verrà applicato al momento del saldo

2 ) PREPARATE UNA LISTA

Preparate un elenco delle cose di cui avete veramente bisogno, tenendo presente che alcuni capi potranno essere offerti a prezzi stracciati solamente perchè sul punto di passare di moda

3 ) GUARDATE IL CARTELLINO

Il cartellino sul capo di abbigliamento deve per legge indicare il costo originale, la percentuale di sconto applicata ed il prezzo finale risultante

4 ) DIFFIDATE DEGLI SCONTI ESAGERATI

Spesso uno sconto iniziale superiore al 50% riguarda dei resti di magazzino , quindi, merci difficilmente vendibili in altro modo

5 ) ACCERTATEVI CHE LA MERCE SI POSSA CAMBIARE

Non crediate che le merci non possano essere cambiate o, se sono esaurite, non si possano riavere indietro i soldi: in particolare, Codacons segnala che il termine utile per denunciare un mancato cambio o rimborso è fissato in  sessanta giorni .